NAKHCHIVAN - 6 Giorni

Nakhchivan: tra architettura e leggenda

Nakhchivan, enclave azera incuneata tra Turchia, Armenia e Iran. Conosciuta come la terra di Noè, non ha frontiere terrestri con l’Azerbaijan ma l’unico accesso è per via aerea. I patrimoni storici, scientifici e culturali più ricchi del popolo dell’Azerbaigian si sono formati in questa terra.

Numerosi i riferimenti biblici. Infatti, si ritiene che il Profeta Noè sia stato sepolto in questo territorio. Noè e Adamo furono sorpresi dal Diluvio Universale circa 10.000 anni fa. La tomba di Noè si presuppone si trovi in una fortezza situata a sud della città di Nakhchivan, divenuta luogo di culto. Differentemente, le tombe della moglie e della madre si trovano nella città di Marand, a sud dell’Azerbaigian.

Non mancano, inoltre, le meraviglie architettoniche. Qui è possibile, appunto, ammirare il Monumento dedicato a Momina Khatun, risalente al XII secolo. Questa tomba è ritenuta un esempio straordinario di architettura nazionale, oltre che perla dell’architettura orientale. Il monumento, oggetto di vari restauri nel corso del tempo, ha un’importanza notevole per la città. Oltre a esserne l’emblema, è più comunemente conosciuto come il Taj Mahal di Nakchivan.

Bellezze rare fanno da cornice a questa monumentale città. Particolarmente curiosa è la sorgente termale di Daridagh, situata nella regione di Julfa. Da qui sgorga un’acqua minerale dal colore argentato, frutto della presenza di carbonato. Numerose le sostanze presenti: boro, iodio, litio solo per citarne alcune. Sostanze che permettono a tale acqua di essere una perfetta cura per i pazienti affetti da malattie intestinali.

Il paesaggio è incantevole. Batabat ne è un esempio lampante: un altopiano disabitato e unico nel suo genere. Ci si troverà avvolti dalla natura, tra foreste, montagne e laghi, con isole galleggianti e sorgenti di acqua limpida e ghiacciata.

Non resta che lasciarsi trasportare e vivere appieno un’esperienza irripetibile, tra leggende e bellezze architettoniche non indifferenti.

Scarica il Pdf 

Giorno1
Italia - Istanbul

Arrivo in aeroporto.

Disbrigo delle formalità d'imbarco e partenza notturna per Istanbul.

Attesa in aeroporto della coincidenza per Igdir.

Giorno2
Istanbul - Igdir - Kengerli Sharur - Nakhchivan

Partenza in minivan all’alba per Igdir con arrivo la mattina presto.

Proseguimento per la frontiera con la Repubblica Autonoma di Naxcivan. Disbrigo formalità doganali.

Proseguimento, attraverso l’emozionante paesaggio del distretto di Sadarak, per il villaggio di Garabaghlar nella regione di Sharur per vedere l’omonimo mausoleo del XII secolo.

Visita alle rovine di altri piccoli mausolei sparsi su antichi campi sepolcrali e le fortificazioni con torri. Anticamente c'erano 10.000 case, 70 moschee, mausolei dei quali 40 con minareti. Uno di loro, Garabaglar (dal nome del luogo), è sopravvissuto fino ad oggi ed affascina i visitatori. Il mausoleo è solo una parte del complesso al centro del quale alte torri ed altri minareti con prismi rettangolari su ciascun lato sono collegati tra di loro. Da lontano questa struttura ricorda delle porte delle città.

Si prosegue per l'Ospedale delle miniere di sale di Duzdagh: un centro unico per il trattamento medico naturale di asma e bronchite. Il trattamento medico viene effettuato mantenendo i pazienti nelle miniere di sale vuote per diverse ore al giorno. I pazienti soggiornano nella montagna Duzdagh per circa un mese per il trattamento delle patologie. Posto unico al mondo dove si estrae anche sale alimentare.

Arrivo nella città di Naxcivan, capitale dell’omonima repubblica.

Sistemazione in hotel.

Cena e pernottamento.

Giornata a pensione completa.

Giorno3
Nakhchivan

Prima colazione in hotel.

Si parte in minivan con la visita della città iniziando dalla tomba del Profeta Noè, uno dei luoghi più importanti sul territorio della repubblica autonoma legata al Diluvio Universale. Secondo la leggenda il Profeta Noè è stato sepolto qui. Sia Noè che Adamo vissero nello stesso periodo storico ed entrambi furono sorpresi dal Diluvio circa 10.000 anni fa. Le tombe della moglie e della madre di Noè si trovano nella città di Marand, nell'Azerbaigian meridionale (Iran sud-occidentale). Si crede fermamente che la tomba di Noè si trovi in una zona chiamata Kohnagala (antica fortezza) nella città di Nakhchivan. Questo posto è considerato come luogo di culto e scavi archeologici su larga scala sono stati effettuati nella zona negli ultimi anni.

Si visita poi il Monumento dedicato a Momina Khatun del XII secolo. Questa tomba è considerata un magnifico esempio dell'architettura nazionale ed una perla dell'architettura orientale. Viene anche chiamata tomba di Atabay o cupola di Atabay. Originariamente alta 34 metri, la tomba si è sgretolata nel tempo. Ora, dopo l'ultimo restauro , si attesta su 25 metri. Fino al diciannovesimo secolo c'erano molti altri edifici tra cui una moschea, vicino alla tomba. Il monumento è l'emblema della città di Nakhchivan ed è conosciuto come il Taj Mahal di Nakhchivan. La tomba fu costruita nel 1186 in memoria della madre del sovrano di Atabay, Mahammad Jahan Pahlavan.

Si procede con la visita alla casa del Khan, costruita in armonia con lo stile architettonico orientale dei secoli XVIII e XIX, era la dimora del sovrano Rahim khan. La casa ha un seminterrato e otto ampie stanze. Si trova nel quartiere di Galaim Gala (Vecchia Fortezza), a pochi metri dalla tomba di Momina Khatun. La casa è ubicata sulla collina chiamata "Altezza del Khan", con una vista spettacolare sulla città.

Nella Casa del Khan ci sarà l’incontro con un musicista locale che mostrerà vecchi strumenti musicali e ne suonerà alcuni di essi.

Si continua con la visita alla Tomba di Yusif Ibn Kuseyir, il risultato dell'ingegneria che lo rende l'unico monumento tra le tombe a forma di torre in Azerbaigian la cui copertura piramidale è sopravvissuta fino ai giorni nostri. Da una iscrizione sulla tomba si evince che fu costruita nel 557 da Hijri, nel mese di Shavval (Cristianesimo 1162).

La giornata si conclude con la visita al Museo dei tappeti, al Museo della Storia, al Museo Heydar Aliyev ed al centro commerciale.

Cena e pernottamento.

Giornata a pensione completa.

Giorno4
Nakhchivan - Ordubad - Julfa - Nakhchivan

Prima colazione in hotel.

Partenza in minivan per la sorgente termale di Daridagh nella regione di Julfa. L'acqua minerale argentata, rara in natura e dovuta al carbonato, sgorga dalla fonte di Daridagh. Boro, iodio, bromo, stronzio e litio ne fanno un’acqua buona per i pazienti affetti da malattie intestinali.

Tour della città di Ordubad.

Pranzo nella città di Ordubad.

Sulla via del ritorno verso Nakhchivan tappa al monumento a Gulustan.

Si visita poi la Fortezza di Alinja, una delle costruzioni difensive più imponenti del XII secolo. Durante l'attacco di Teymur a Nakhchivan nel 1386, 1392 e 1399 la fortezza fungeva da quartier generale e luogo del tesoro della dinastia Atabayler. Dopo 14 anni di assedio l'esercito di Teymur non fu poi in grado di occupare la fortezza.

Rientro a Nakhchivan.

Tempo libero.

Cena con un famoso oratore locale che spiegherà le tradizioni culturali di Nakhchivan.

Pernottamento.

Giornata a pensione completa.

Giorno5
Nakhchivan - Shahbuz - Nakhchivan

Prima colazione in hotel.

Partenza in minivan per Batabat, un altopiano disabitato ed unico allo stesso tempo nella regione di Shahbuz. Un bellissimo paesaggio con foreste, montagne, laghi ci aspetta con isole galleggianti e sorgenti con acqua ghiacciata e limpida.

Rientro nella città di Nakhchivan per pranzo.

Visita alle grotte di "Ashabu - Kahf" citata nella antica leggenda greca "Sette dormienti di Efeso ma esistono anche versioni tedesche, britanniche, slave, indiane, ebraiche, cinesi e arabe.

Tea-Stop alle grotte per osservare i pellegrini locali, essendo le grotte luogo sacro.

Ritorno alla città di Nakhchivan.

Tempo libero.

Cena di arrivederci con musica dal vivo e gruppo di danza tradizionale e master class con ballerini locali che ti insegneranno a ballare nel tipico modo azero.

Giorno6
Nakhchivan - Italia o proseguimento per Baku

Prima colazione in hotel.

Rientro in Italia o proseguimento del viaggio per l’Azerbaigian vero e proprio.

Inclusi nel prezzo

  • Sistemazione in albergo 3 stelle con trattamento BB
  • 6 giorni/4 notti
  • Cena (4)
  • Pranzo (4)
  • Accompagnatore dall'Italia
  • Registrazione gratuita presso l'albergo
  • Servizio di trasporto come indicato nell'itinerario
  • Ingressi ai musei che sono in programma
  • Spettacolo musicale, master class di danza

Non inclusi nel prezzo

  • Biglietti aerei su linee internazionali
  • Mance-a discrezione personale

Prezzi a persona

 

Doppia Supplemento Singola Pernottamenti supplementari
1400€ Su richiesta

 

Condizioni

 

Modalità di Pagamento:

- Alla conferma: acconto pari al 30% del totale prenotato

- 10 giorni prima della partenza: saldo

Il Viaggio ed i servizi richiesti saranno considerati prenotati solo dopo il pagamento del primo acconto.

 

Cancellazione:

Vi chiediamo di controllare il contratto di vendita. In caso di cancellazioni verranno applicate le seguenti penalità:

- dalla conferma a 10 giorni prima della partenza: possibilità di cancellazione senza penalità del 70% del totale prenotato (penalità del 30%);

- dal 9 giorno prima della partenza: penalità del 100% (anche in caso di mancata comparizione – No show).

 

Il Tour Operator si riserva il diritto di cambiare gli orari delle escursioni, garantendo l’esecuzione del programma.

 

Puoi inviare la tua richiesta tramite il modulo sottostante.

Caratteristiche Viaggio

  • 6
  • 4
  • 8
  • 3*